giovedì, Giugno 20, 2024
Google search engine
HomeComunicazione e MarketingStrategie di branding per GDO e industria: come sfruttare il ritorno al...

Strategie di branding per GDO e industria: come sfruttare il ritorno al banco assistito

Nell’ultimo anno, il progressivo aumento dell’inflazione ha inciso notevolmente sul comportamento di acquisto del comparto salumi e formaggi, che ha registrato una regressione dei prodotti preconfezionati, il cui costo euro/kg ha iniziato ad essere percepito come troppo elevato, a beneficio di quelli serviti al banco. Il ritorno dei consumatori al banco taglio rappresenta, sia per le aziende del settore food sia per la GDO, una nuova importante sfida e un’opportunità da cogliere.

In questo contesto, la domanda da porsi, quindi, è: come questo trend cambia le strategie di Brand di insegne della GDO e delle Industrie del FOOD?

Valeria Ortolani, CEO di OCALAB , agenzia di comunicazione padovana e punto di riferimento per le aziende per le attività e i progetti di branding, spiega quali sono gli elementi che è necessario tenere in considerazione nelle strategie di posizionamento e di comunicazione per la GDO e l’industria.

“La generazione Z incide profondamente sui consumi e richiede ai brand un notevole sforzo per assecondare le proprie esigenze. I dati ci dicono che il 67% è infatti aperto a sperimentare nuovi prodotti e per legarsi ad un marchio deve trovare in esso una profonda ed autentica connessione. La sostenibilità è considerata da questa generazione un fattore imprescindibile e non un mero elemento distintivo e la reputazione di una marca viene attentamente studiata prima di effettuare un acquisto. – spiega Valeria Ortolani, CEO di OCALABOggi, le aziende devono scegliere autenticamente chi sono e devono diventare rilevanti anche a livello sociale. Il tempo dei “secondo me” è finito: serve capacità di ascolto e di raccolta dati sui quali costruire la propria strategia di Brand, ponendo sempre più il consumatore con i suoi desideri e i bisogni al centro di ogni scelta di business”.

I dati emersi dai trends del 2024 dimostrano infatti che i consumatori sono alla ricerca di brand con uno scopo più profondo, che vada oltre al prodotto e alla comunicazione: l’innovazione diventa trainante, così come la capacità di sfidare le logiche tradizionali e dare risposte diverse ai nuovi bisogni. La reputazione e la capacità di comunicare in maniera naturale e spontanea sono le leve che più influenzano il desiderio di acquisto non solo della generazione Z ma di tutti i consumatori.

Strategie di branding per la GDO

Per la GDO è importante lavorare sulla customer experience e il banco assistito può diventare un touch point fondamentale per creare una relazione forte e fidelizzare il cliente.

Per farlo sono 4 le leve su cui è possibile intervenire strategicamente:

  1. la scelta dell’assortimento: una maggiore varietà di prodotti consente di intercettare le diverse esigenze dei consumatori e di distinguersi dai competitor.
  2. la trasformazione del banconiere da tecnico a vero e proprio testimonial del brand: avendo il contatto diretto con i clienti, il banconiere dovrebbe essere formato non solo dal punto di vista tecnico ma anche relazionale, per trasmettere ai consumatori i valori del brand che rappresenta e, allo stesso tempo impostare la vendita secondo indicazioni comuni. Creare un’accademia a loro dedicata potrebbe essere un’idea importante da sviluppare.
  3. la selezione di un packaging in linea con il proprio posizionamento: dal colore, al materiale, passando per la tipologia di incarto, il packaging può essere utilizzato dalla GDO a livello di comunicazione per trasmettere la propria identità e messaggi differenti al consumatore.
  4. l’utilizzo di strumenti digitali: per coinvolgere il cliente e migliorare la sua esperienza all’interno del supermercato è possibile servirsi di tecnologie capaci di far dialogare il mondo online con quello offline. Alcuni esempi possono essere schermi interattivi ed installazioni supportate dall’AI, capaci di dare consigli di acquisto ed informazioni aggiuntive sui prodotti.

Strategie di branding per l’industria

 Alle industrie alimentari spetta un maggiore sforzo, in quanto hanno un limitato perimetro di azione al banco assistito. Ad esempio, non è permesso loro di utilizzare un packaging o una tipologia di incarto personalizzata o di fornire una formazione specifica ai banconieri. Tuttavia, le leve su cui è possibile lavorare sono la Brand awareness e la Brand Reputation, che non rappresentano più un’opzione ma un’attività necessaria per creare connessioni ed essere scelti dai consumatori. Come? Attraverso la comunicazione dei valori, dell’identità e della reputazione dell’azienda e l’impegno intrapreso in azioni di sostenibilità  e innovazione.

About OCALAB
OCALAB è un’agenzia di Branding con sede a Padova, composta da oltre 30 risorse e fondata nel 2013 da Valeria Ortolani e Alberto Cobre. L’agenzia promette di guidare le aziende in un percorso di evoluzione del Brand, partendo dall’individuazione delle proprie unicità e proseguendo con la loro valorizzazione, per imparare a raccontarlo in modo efficace, preciso e riconoscibile mediante una strategia scientifica e la realizzazione di concept creativi. Seguendo il metodo OCA (Osservare, Creare, Agire), l’agenzia attualmente vanta un portfolio di clienti provenienti da tutta Italia.
ARTICOLI CORRELATI
- Advertisment -
Google search engine
Google search engine

ARTICOLI PIU' LETTI

COMMENTI RECENTI